« Panerai


Sul Ponte delle Grazie a Firenze nel 1860 Giovanni Panerai apre il primo negozio di orologeria Panerai, a lui seguir il figlio Leon Francesco e successivamente il nipote Guido. Questultimo dal 1890 agli inizi del 1900 dar una nuova impronta allattivit di famiglia, specializzandosi in lavorazioni meccaniche di alta precisione e diventando fornitore ufficiale della Regia Marina Italiana. Con il nuovo secolo il negozio si sposta in Piazza San Giovanni a Firenze, guadagnando lattuale sede della celebre boutique e mantenendo linsegna Orologeria Svizzera, a sottolineare il contatto con le fabbriche svizzere pi antiche e prestigiose. Dopo le prime forniture di strumentazione ottica e meccanica di precisione al Ministero della Difesa la Regia Marina Italiana a disporre, durante la prima guerra mondiale, di dispositivi luminescenti per il tiro notturno dei cannoni navali, congegni a tempo, misuratori di fondali e calcolatori meccanici per il lancio dei siluri. Sar proprio la Regia Marina Italiana a commissionare a Panerai un orologio impermeabile, resistente e facilmente leggibile al buio sottacqua. Nasce cos nel 1936 il primo prototipo dellorologio Radiomir, la cui produzione inizia nel 1938. Pochi anni dopo, nel 1943, la manifattura presenta il prototipo del primo cronografo, il Mare Nostrum, destinato agli ufficiali di coperta, ma mai prodotto per eventi bellici avversi. Negli stessi anni uninnovazione tecnica, il dispositivo proteggi corona a leva per il bloccaggio della stessa (brevettato in Italia nel 1956 e negli U.S.A. nel 1960), consentir agli orologi Panerai di scendere fino a 200 metri di profondit. Nel 1949 la miscela Radiomir sostituita dal brevetto Luminor, una sostanza luminescente a base di trizio, che d il nome allomonimo modello. Nel 1972, alla morte di Giuseppe Panerai, lazienda passa alla direzione di Dino Zei, diventando Officine Panerai e nel 1997 acquisita dal Gruppo Richemont. Dopo la progettazione di un orologio in titanio capace di resistere a 1000 metri di profondit (1980), nel 1993 realizzata una serie numerata e limitata di modelli destinati al mercato civile: Luminor, Luminor Marina e una edizione del cronografo Mare Nostrum. Nel 1995 in omaggio allattore Sylvester Stallone, estimatore del marchio fiorentino, viene commercializzata la serie speciale Slytech, seguita da quella Daylight (dal titolo di un film con Stallone), una riedizione personalizzata del modello Mare Nostrum. Un anno dopo il passaggio al gruppo Richemont (1998) sono presentati al pubblico internazionale i primi orologi Panerai a carica automatica: Luminor Submersible, Luminor GMT e Luminor Power Riserve. Segue una nuova gamma di orologi Officine Panerai Contemporanei, basata su elementi innovativi (cassa pi piccola, bracciale in metallo, cronografo). Al rinnovo della boutique storica in Piazza San Giovanni seguono lapertura di boutique a Hong Kong (2002) e Portofino (2003), mentre tra il 2008 e il 2009 ci saranno inaugurazioni a Pechino, Tokyo, New York, Buenos Aires, Madrid, Quatar e Dubai. Nel 2004 con il nuovo esemplare Radiomir 8 Days la maison ripropone un meccanismo gi sperimentato negli anni Quaranta,lOtto giorni a carica manuale, con base Jaeger-LeCoultre anzich con calibro Angelus. Bisogna ricordare che negli anni Quaranta alcuni modelli Panerai montavano anche meccanismi Rolex. Nel 2005 nasce il primo movimento Panerai: il calibro P.2002, a cui nel 2007 seguiranno altri tre nuovi calibri il P.2003, il P.2004 e il P.2005. Nel 2006 a Ginevra si assiste alla presentazione delle nuove collezioni Panerai e Ferrari con le linee Granturismo e Scuderia.